Show theater masks
Arte, Cultura & Fede
Montagne

Macugnaga - Borgo d'eccellenza

Valli dell'Ossola

Riconoscimenti
Bandiera Arancione Touring Club Italiano
Borgo Walser

Altitudine
1.327 s.l.m

Santo Patrono
15 agosto, Santa Maria Assunta

Giorno di mercato
Venerdì

Informazioni Turistiche
www.macugnaga-monterosa.it

IL BORGO: SCRIGNO DI CULTURA, TRADIZIONI E NATURA
Antico villaggio, fondato dai Walser nel XII secolo, che ha saputo
evolversi turisticamente senza alterare l’atmosfera che la sua antica origine le dà. Da qui si può ammirare il versante est del Monte Rosa, la più vasta e himalayana parete delle Alpi con i suoi duemila metri di dislivello: un’immensa cattedrale di roccia e ghiaccio sovrastata dalle “quattro sorelle”: Gnifetti (4.554 m s.l.m), Zumstein (4.563 m s.l.m.), Dufour (4.634 m s.l.m.) e Nordend (4.609 m s.l.m.), la cui visione emoziona e meraviglia ogni volta. Qui si trova un’attrezzata stazione sciistica in grado di offrire agli appassionati piste perfettamente preparate e adatte a tutti i livelli nelle due ski area del Monte Moro e del Belvedere, piste omologate e adatte anche alle competizioni. Vi attendono poi stupende sciate in fuori pista in uno scenario mozzafiato e per gli amanti dello sci di fondo Macugnaga offre un anello di 5 km nella frazione di Pecetto.
L’estate è un invito a vivere nella natura: oltre ad un ambiente spettacolare, Macugnaga vanta una peculiare oasi faunistica, inoltre vi si possono compiere escursioni e ascensioni sulle numerose “vie” del Rosa con le esperte Guide Alpine locali. Tappa della “Grande Traversata delle Alpi” e del “Tour del Monte Rosa”, la località fa anche parte del “Grande Sentiero Walser”, un cammino che unisce Zermatt (CH) al Voralberg (AU), oltre ottocento chilometri in 34 tappe attraverso quattro nazioni: Svizzera, Austria, Italia e Liechtenstein.
Macugnaga è stata fondata, appunto, intorno al 1256 dai Walser, antica popolazione alemanna da cui ha avuto inizio la colonizzazione delle Alpi Walser intorno al Monte Rosa. L’antica cultura è ancora oggi ben presente in tutte le frazioni del villaggio, nelle caratteristiche costruzioni in pietra e legno edificate con la tecnica a “blockbaum”, nella lingua, un tedesco arcaico ancora parlato dalle persone più anziane, nel costume dai preziosi ricami, che le donne indossano ancora oggi nelle occasioni di festa. Tutto il borgo è disseminato delle loro antiche testimonianze: i forni frazionali nei quali una volta all’anno cuocevano il pane, i granai edificati sui “funghi” di pietra per proteggere il raccolto, la Chiesa Vecchia e il Tiglio secolare, ma anche nei suoi Musei della frazione di Borca “Museo Antica Casa Walser - Museo Alts Walserhüüs Van Zer Burfuggu” e della frazione di Staffa “Museo della Montagna e del Contrabbando”, dove è possibile rivisitare la storia Walser e alpinistica di Macugnaga in tutti i suoi dettagli.
L’antica Miniera aurifera della “Guia” a Fornarelli, aperta nel 1710, è tuttora in parte percorribile. Per alcuni chilometri è possibile addentrarsi nei cunicoli e nelle gallerie scavate nella montagna dove sono visibili i filoni auriferi, uno spettacolo naturalistico unico. Della Miniera aurifera di Pestarena invece, dopo che è stata chiusa nel 1961, è visibile solo l’entrata principale. Nella piazzetta è visitabile il piccolo Museo del Minatore.
Macugnaga vi aspetta in uno scenario di montagna perfettamente conservato, dove sia la fauna che la flora alpina trovano il loro habitat ideale: non è insolito Infatti passeggiare o sciare tra camosci, stambecchi e caprioli.
Imperdibili gli eventi tradizionali e sportivi: la “Fiera di San Bernardo” a luglio, la gara di trail “Stràgranda Monterosa” e il trail running “Monterosa EST Himalayan Trail”.

ENOGASTRONOMIA TIPICA
Nella gastronomia della montagna ossolana dominano il pane nero, i gnocchetti all’ossolana, i salumi e i formaggi dell’antica cultura casearia, la torta di pane e latte e, ad arricchire il tutto, i vini ossolani “di nicchia” denominati Prunent, Tarlap e Cà d’Maté.

OSPITALITA'
www.distrettolaghi.it/ospitalita

ITINERARI TREKKING
Itinerari Slow Trek consigliati: Valle Anzasca: Lago delle Fate

ITINERARI BIKE
Itinerari Bike consigliati: Macugnaga e il Lago delle Fate

ACCESSIBILITA'
Il borgo è accessibile a persone con mobilità ridotta. Per le persone che utilizzano una sedia a rotelle manuale si consiglia la presenza di un accompagnatore esperto.
Itinerario "For all" consigliato: Valle Anzasca: Macugnaga

ARTIGIANATO LOCALE
Per i borghi ossolani e montani ricordiamo l’importanza del marmo e della pietra ossolana: l’Antica Cava di Ornavasso è esempio unico di escavazione nel cuore della montagna, il cui marmo è stato utilizzato per la costruzione del Duomo di Milano, la Certosa di Pavia e altri prestigiosi monumenti. Anche dalla pietra naturale comunemente estratta nelle cave ossolane (es. serizzo, laugera, ecc.) si ottengono ai giorni nostri materiali lavorati in vario modo per gli utilizzi più svariati.

Archivio Fotografico Distretto Turistico dei Laghi
Foto di Marco Benedetto Cerini

Telefono
+39 (0)324.65009
Live
Clearsky day
Cielo sereno
9,9°
Piazza Municipio n.1
28876 - Macugnaga (VB)

45.9683785, 7.9672651

45.9683785, 7.9672651