Premia
print this page

Orridi di Uriezzo

Gli Orridi di Uriezzo sono profonde gole scavate dall'opera di erosione dei torrenti che scorrevano sotto il ghiacciaio che un tempo occupava l'intera valle Formazza.
Oggi asciutte e quindi comodamente visitabili, costituiscono probabilmente la rappresentazione più fedele dell'ancestrale modellamento di questo territorio, straordinariamente ricco di testimonianze di storia geologica, affascinanti e uniche nel loro genere.
Orridi (Baceno, Arvera, S. Lucia, Balmasurda, Silogno), caldaie (quelle di Croveo), marmitte (per esempio, le "Marmitte dei Giganti" di Verampio) e forre (per esempio, la gola di Balmafredda) creano ambienti misteriosi che accolgono il visitatore nelle viscere della terra.
La principale peculiarità che contraddistingue gli Orridi di Uriezzo è che, non essendovi oggi più acqua che percorre queste strette e profonde incisioni nella roccia, è possibile camminare all'interno di tre di esse (una quarta è difficilmente accessibile e termina con un salto in un torrente).
L'ambiente più spettacolare è senz'altro quello dell'Orrido Sud, lungo circa 200 m. e profondo da 20 a 30 m., chiamato dagli abitanti del luogo "Tomba d'Uriezzo". Pannelli esplicativi e scale di ferro guidano la visita.
Il fondo roccioso non è sempre visibile, in quanto spesso è coperto da uno strato di terriccio e di materiale alluvionale.
Un altro elemento di notevole interesse è rappresentato dal complesso ecosistema presente: si possono infatti facilmente osservare varie specie vegetali, in particolare muschi e felci, in grado di adattarsi a queste difficili condizioni ambientali.

orridi uriezzo

Comuni
PREMIA