Sabato, Aprile 18, 2015 - Sabato, Giugno 13, 2015
print this page

Spettacoli teatrali per la promozione del progetto "Made in Piemonte-Destinazione Impresa" 2015

Spettacoli a Nebbiuno presso Flor-Coop il 18 aprile, a Omegna presso il Parco Fantasia Ganni Rodari il 24 maggio e a Casale Corte Cerro presso lo spazio culturale "Il Cerro" il 13 giugno

Su incarico di Regione Piemonte, il Distretto Turistico dei Laghi si sta impegnando a realizzare nel periodo marzo-giugno 2015 una serie di visite turistiche nelle aziende locali nell'ambito del Progetto "DESTINAZIONE IMPRESA". Tali visite sono inserite all'interno di itinerari turistici di mezza giornata o giornalieri, al fine di combinare le eccellenze produttive e artigiane con le rilevanti risorse turistiche del territorio.

Per coinvolgere e informare il territorio rispetto al progetto "Destinazione Impresa" verranno organizzati degli spettacoli teatrali - a cura della società torinese Onda Teatro e in collaborazione con il Centro Estero per l'Internazionalizzazione Piemonte - all’interno di alcune delle aziende coinvolte oppure in siti affini o prossimi ad esse. Per ogni area piemontese sono stati scelti 3 spettacoli da realizzarsi in 3 differenti location.
Qui di seguito il calendario degli spettacoli nel nostro territorio:

- Nebbiuno (NO): Flor-Coop Lago Maggiore – Spettacolo "Terza lezione di giardinaggio per giardinieri planetari. Semi di futuro" - Sabato 18 aprile, ore 21
Dopo la Prima lezione di giardinaggio per giardinieri anonimi rivoluzionari e la Seconda lezione per giardinieri planetari, ecco l'atteso terzo incontro del "corso" di auto coltivazione botanico/teatrale di Lorenza Zambon, attrice giardiniera.
"Qui si narra di semi che sono come piccole astronavi e che viaggiano nel tempo, di erbacce che ricuciono gli strappi nella rete della vita, di fiori delle bombe, di metropoli del futuro, dell'esplosione degli orti della città, delle verdure che colonizzano i balconi, del dilagare del guerrilla gardening...della semina di nuovi paesaggi; e si diffondono insegnamenti di maestri giardinieri insospettabili, piccoli giardinieri planetari privi di potere, pieni di potenza...come quella giovanoe americana che ha creato una fattoria sotto a un grattacielo o quella grande donna indiana che lotta per i semi del futuro; e ancora si forniscono istruzioni per costruire un orto metropolitano da passeggio per farsi complici di liberi semi".

- Omegna (VB): Parco Fantasia Gianni Rodari – Spettacolo "TeatRO DA RIdere. Le avventure di Pinocchio" - Domenica 24 maggio, ore 16,30
con Stefania Ventura
regia Livio Viano
musiche Sandro Balmas
A partire dai 3 anni
Teatro d’attore e marionette
Lo spettacolo è il cavallo di battaglia della compagnia e in 10 anni è stato rappresentato più di 700 volte in Italia e all’estero. Nel 2011 è stata prodotta una versione in lingua francese che ha debuttato al Festival d’Avignon e un’operetta musicale in collaborazione con l’Orchestra giovanile della Valle d’Aosta.
Lo spettacolo nasce da “La Filastrocca di Pinocchio” di Gianni Rodari. Non dovrà quindi apparire strano sentire raccontare Pinocchio in un modo diverso dalle centinaia di riduzioni o adattamenti teatrali.
Scenografia dello spettacolo è un colorato libro gigante: attraversando le sue pagine magiche l’attrice protagonista, danza e canta tra le rime per dare vita al burattino più conosciuto al mondo. Accompagnerà quindi i bambini in tutte le avventure di Pinocchio: tra gli animali parlanti, al Teatro dei burattini, nell’incontro col gatto e la volpe, nel paese dei Balocchi dove i monelli vengono trasformati in ciuchi, nel ventre del pescecane in cui ritrova Geppetto e infine tra le braccia della fata Turchina che lo farà diventare un bambino vero…

- Ramate di Casale Corte Cerro (VB): spazio culturale "Il Cerro" – Spettacolo "Metropolis Cineconcerto. Supershock" - Sabato 13 giugno, ore 21
Musiche dal vivo della rock band Supershock sulle immagini del film Metropolis (1927) di F. Lang
Lo spettacolo prevede la sonorizzazione dal vivo di Metropolis di Fritz Lang , film che, unanimemente ritenuto un capolavoro assoluto, è diventato il primo film della storia tutelato dall'Unesco, inserito nel registro 'Memory of the World' creato nel '92.
Metropolis è il primo film di fantascienza nella storia del cinema. La spettacolare città del futuro ideata da Fritz Lang diventò modello più o meno esplicito per molti film di questo genere fino ai giorni nostri (Blade Runner, Guerre Stellari, Matrix). Gli effetti speciali del film sono veramente stupefacenti, considerando i mezzi dell'epoca.
Lo spettacolo, che ci porta in una città del ventunesimo secolo la cui esistenza si basa sull’estremo sfruttamento della classe operaia da parte di pochi ricchi che vivono nel lusso più sfrenato, è una lucida riflessione sulla condizione disumana del lavoratore, sulla meccanizzazione della sua vita, sulla sua riduzione a “cosa” in una società dominata dall’industrialismo.
Lo spazio visivo di Metropolis presenta due livelli: la città alta e la città sotterranea. La prima, caratterizzata da grattacieli, grandi arterie e giardini, è abitata dall’élite detentrice del potere; la seconda, costruita intorno alla fabbrica, è un luogo spento, infelice, dove vivono operai costretti a far funzionare, come schiavi, macchine mostruose.
Il giovane Freder, figlio dell’uomo più influente della città, è colpito dalla bellissima Maria che appartiene alla classe operaia, e la segue nel suo mondo. Inevitabile sarà la ribellione…Emblematica è l’indimenticabile sequenza in cui la città sotterranea è progressivamente sommersa dall’acqua. L’acqua, simbolo della vita, si trasforma in una terribile minaccia…
Uno spettacolo di contaminazione in cui musica e parola si pongono in simbiosi con le sequenze filmiche di Metropolis che maggiormente esprimono l' immagine metafisica del domani della civiltà occidentale, le paure dell'uomo-massa e gli interrogativi legati alla dimensione spirituale.
Il concerto dei Supershock interpreta l’avvincente trama con un rock new wave , creativo e potente. Una musica che, concatenando in un montaggio sonoro incalzante e meditato i momenti più intensi del film di Lang, ne mantiene la pregnanza semantica e la ricchezza formale.
Un’operazione quindi destinata ad un pubblico ampio e variegato per età e formazione culturale. Non un messaggio ideologico, ma un’indagine appassionante, rappresentativa della modernità.
Metropolis è una vera e propria sinfonia visiva e grazie al concerto dal vivo di Supershock la musica diventa parola contemporanea.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA LOCANDINA DELLE MANIFESTAZIONI IN PROGRAMMA