Venerdì, Luglio 13, 2018
print this page

ORTA SAN GIULIO - "Orta Festival 2018: Brahms Abend"

19° Orta Festival: dal 6 al 27 luglio torna la grande musica in percorso fatto di relazioni e incontri fra culture diverse.
Il Festival offrirà una proposta musicale ricca, in cui i grandi autori della storia della musica saranno i vostri e i nostri compagni di viaggio. La figura dell’interprete, tramite unico ed indispensabile per far vivere la musica sarà - particolarmente in questa edizione - centrale. I 9 appuntamenti vedranno infatti la presenza di solisti ed ensembles di primo piano nel panorama concertistico nazionale ed internazionale. Un sottile fil rouge omaggerà i due anniversari che si celebrano quest’anno (i 150 e 100 anni dalla morte rispettivamente di Rossini e Debussy).
CHIESA S. MARIA ASSUNTA- VENERDÌ 13 LUGLIO - ORE 21.15
Simonide Braconi - viola e violino
Raffaella Damaschi - pianoforte
Johannes Brahms (1833-1897)
Sonata in fa minore op. 120 n. 1 per viola e pianoforte
Dalla Sonata F.A.E.: Scherzo in do minore WoO2 per violino e pianoforte
Sonata in mi bemolle maggiore op. 120 n. 2 per viola e pianoforte

“Cinderella no more” è il titolo di un libro scritto dal grande violista Lionel Tertis che ben sintetizza quello che era considerato essere il destino piuttosto ingrato della viola, strumento presente nella quasi totalità delle compagini orchestrali e cameristiche, ma pure fino a pochi decenni or sono ancora privo di una sua precisa identità ed autorità. Dedicarsi alla viola oggi, fortunatamente, non è più un atto di deliberato autolesionismo o di esibita bizzarria e con il succedersi di poco agguerrite generazioni di violisti, si è giunti a strumentisti del calibro di Simonide Braconi. Scelto giovanissimo da Riccardo Muti quale prima viola dell’Orchestra del Teatro alla Scala, vanta collaborazioni in qualità di solista con direttori e musicisti di primo piano: W. Sawallisch, R. Muti, B. Canino, A. Madžar, E. Bronzi, E. Dindo, ecc. Ci presenta in duo con la pianista Raffaella Damaschi interprete che si è segnalata man mano per la personalità ed i risultati artistici raggiunti, un ciclo completo, piccolo nelle dimensioni ma gigantesco nella qualità artistica, ovvero l’op. 120 di Johannes Brahms, che risale all’estrema stagione del compositore. Le due Sonate composte sotto l’influenza del clarinettista Mühlfeld prevedono in realtà la viola come strumento alternativo al clarinetto, con la semplice aggiunta della dicitura “oder Bratsche” (“o viola”) e la conseguente pubblicazione della trascrizione della parte solistica. Lo Scherzo della Sonata F.A.E. andrà a completare l’omaggio brahmsiano con il debutto di Simonide Braconi al violino.
Biglietti
Ingresso € 15 – Ridotto € 10 (under 25). Biglietti in vendita la sera del concerto a partire dalle ore 20.00.