Mercoledì, Settembre 5, 2018 - Domenica, Settembre 9, 2018
print this page

Il Festival "Il Teatro sull'Acqua" torna ad Arona dal 5 al 9 settembre. Con la direzione artistica di Dacia Maraini, tema del 2018 sarà "Rendere possibile l’inaspettato"

“Attori che entrano in scena emergendo dall’acqua, macchinisti sub, le comparse chiamate “remattori”, perchè mentre recitano manovrano le barche in base alle esigenze della scenografia, la graticcia teatrale ancorata al fondale del porto. “Rendere possibile l’inaspettato” è il tema del Teatro sull’Acqua di Arona, ma è anche la migliore descrizione di quello che accade sul Lago Maggiore nella prima settimana di settembre, una manifestazione che trova riscontro solo in altre due realtà al mondo, l’Opéra on the Lake di Bregenz e il Teatro delle Marionette d’Acqua di Hanoi”.
Così scrive Angela D’Arrigo su Corriere della Sera Buone Notizie per descrivere l’unicità del festival Il Teatro sull’Acqua, diretto da Dacia Maraini.

E ora provate a immaginate il Lago Maggiore, dominato dalla statua di San Carlo, che per una sera diventa il Golfo di Napoli. Pensate a Dacia Maraini che, in solitudine davanti al lago, chiama Rossini e lo invita a evocare il suo San Carlo, il Teatro. Questo è “Ma se mi toccano”, la nuova produzione del festival Il Teatro sull’Acqua 2018, scritto da Maurizio de Giovanni.

Arona, città di teatro sul lago Maggiore, si prepara ad accogliere una nuova edizione del festival diretto da Dacia Maraini, in programma dal 5 al 9 settembre. Tanto teatro, e tanti ospiti autorevoli per un evento che si colloca ormai tra i più interessanti nel panorama dei festival culturali italiani.

Ma se mi toccano
Il programma artistico si apre mercoledi 5 settembre, con la prima nazionale dello spettacolo sull’acqua “Ma se mi toccano” su testo scritto da Maurizio De Giovanni e preludio di Dacia Maraini, con la regia di Hervè Ducroux e la direzione musicale di Matteo Beltrami del teatro Coccia di Novara.
Siamo all’inizio dell’ottocento, si respira Teatro dappertutto: la prima al San Carlo, le arie cantate dalle donne al mercato, quelle voci popolari che hanno tramandato e portato fino a noi il melodramma italiano. E i pescatori, i mercanti, i marinai, costruttori di macchine teatrali. C’è tutta la vitalità del Teatro in quel popolo indaffarato e affascinato dalla Musica. Il Teatro nel teatro, il teatro tra la gente e con la gente.
Maurizio De Giovanni ci racconta un universo grottesco, un’umanità sgangherata e “truculenta” e la miseria del mondo intorno a Rossini. Ma è anche un mondo che ama il bello e lo contiene. Ed è proprio di quella umanità, che è allo stesso tempo operosa e gioiosa, che il giovane Genio Pesarese si nutre e realizza la trasformazione poetica che ci ha regalato opere immense e intramontabili.
Repliche 6, 7 e 8 settembre, sempre alle 21.15.

Scoprite l'intero programma CLICCANDO QUI

Il Teatro sull’Acqua fa parte del progetto di rete “Le Vie d’Acqua - I Festival del Lago Maggiore” sostenuto da Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore) nell’ambito dell’edizione 2018 del bando “Performing Arts”.

Posizione

arona
Italia
45° 45' 31.0176" N, 8° 33' 29.4552" E
IT