Giovedì, Agosto 19, 2021 - Mercoledì, Agosto 25, 2021
print this page

Dal 19 al 25 agosto torna a Santa Maria Maggiore Sentieri e Pensieri, il festival letterario diretto da Bruno Gambarotta

I protagonisti della nona edizione: Marino Bartoletti, Cinzia Scaffidi, Don Luigi Ciotti, Francesco Vecchi, Roberto Morgese, Benito Mazzi, Jacopo Veneziani, Maurizio Lastrico, Anna Zafesova, Annalisa Cuzzocrea, Gino Vignali, Stefania Auci, Bruno Gambarotta, Marco Balzano, Davide Longo, Stefano Zecchi

A Santa Maria Maggiore da giovedì 19 a mercoledì 25 agosto torna Sentieri e Pensieri, la rassegna letteraria diretta da Bruno Gambarotta e organizzata dal Comune di Santa Maria Maggiore. Anche nella sua nona edizione il festival porterà nel piccolo borgo Bandiera Arancione del Touring importanti nomi del panorama culturale e non solo. Confermata la sede nell'incantevole cornice del Parco di Villa Antonia, luogo ideale per poter garantire il giusto distanziamento fisico ed il rispetto delle principali norme di sicurezza e la prenotazione dei posti (fortemente consigliata). Molti, anche in questa edizione, i protagonisti che andranno a comporre il ricchissimo calendario di Sentieri e Pensieri, evento nato nove anni fa sotto l’egida del Salone Internazionale del Libro di Torino ed oggi organizzato dal Comune di Santa Maria Maggiore con il sostegno e patrocinio di Regione Piemonte e Consiglio Regionale del Piemonte, con il prezioso contributo della Fondazione Comunitaria del VCO, la collaborazione, tra i molti, del Parco Nazionale della Val Grande e della Fondazione Circolo dei lettori e, per il quarto anno consecutivo, parte di Borgate dal vivo. Gli appuntamenti del Festival, tutti a ingresso gratuito, si terranno dunque nel Parco di Villa Antonia (Teatro Comunale in caso di maltempo).

LA PRESENTAZIONE DI BRUNO GAMBAROTTA, DIRETTORE ARTISTICO DEL FESTIVAL
Per gli organizzatori del Festival il momento più gratificante della giornata cade in tarda mattinata quando capita di incontrare a passeggio per le vie di Santa Maria Maggiore uno dei tanti frequentatori degli incontri che si congratula dicendo: “Per me è stata una bella sorpresa l'ospite di ieri. Prima lo leggevo, lo ascoltavo alla radio, lo seguivo nelle sue varie interviste televisive, ma vederlo da vicino è tutta un'altra cosa.” Ecco, “Un'altra cosa” potrebbe essere uno slogan del Festival. Sommato a quest'altro: “Una bella scoperta”. Lo dicono coloro che non avevano mai sentito nominare il nostro ospite prima dell'incontro. Un segnale del crescente interesse per il nostro Festival è dato dalle telefonate che s'infittiscono all'inizio dell'estate. Sono villeggianti e turisti che vogliono conoscere le date del Festival per farle coincidere con quelle del loro soggiorno a Santa Maria Maggiore.
Come sempre lo spettro delle nostre offerte è molto ampio, dal cabaret alla storia, dalla lotta alla mafia all'arte figurativa, dallo sport alle condizioni dell'infanzia, dal romanzo giallo alle riflessioni sulla speranza, l'utopia, la bellezza. Se la caratteristica del nostro tempo è la fame di storie, è giusto che il nostro Festival offra un menù ricco e variato. Seguendo il suggerimento di Edward Morgan Forster in esergo del suo “Casa Howard”: “solo connettere”. O, se preferiamo un guru del nostro tempo, Steve Jobs: “Unire i puntini”.

Attraverso precise linee guida saranno garantite le principali misure di sicurezza e igiene previste dalle normative per il contrasto alla diffusione del Covid-19. Sanificazione dell'area spettacolo e della platea, sedute distanziate per il pubblico, accesso limitato sono solo alcune delle azioni previste.

Infine, all'interno delle schede dei singoli appuntamenti, raggiungibili dal sito www.santamariamaggiore.info/sentieri, sarà presente un semplice modulo da compilare per prenotare il proprio posto. La prenotazione non è obbligatoria, ma fortemente consigliata, e garantirà una prelazione sulla garanzia del posto a sedere. Sostenuta e fortemente voluta dal Comune di Santa Maria Maggiore, la rassegna propone anche quest'anno incontri con scrittori e autori che, partendo dai loro ultimi libri, si raccontano e dialogano su temi e argomenti che spaziano dalla cronaca all'attualità, dallo sport alla letteratura. Ci sarà spazio anche per dibattiti e spettacoli che offrono momenti di approfondimento o divertimento.
“Ci avviciniamo al primo importante anniversario del nostro festival letterario, nato nel 2013 e giunto quest'anno alla nona edizione: una rassegna – conferma il Sindaco di Santa Maria Maggiore, Claudio Cottini – che è da sempre fiore all'occhiello della nostra proposta culturale e che ha raggiunto un livello qualitativo decisamente alto, grazie alla magistrale direzione artistica di Bruno Gambarotta. Un parterre di ospiti prestigiosi dialogheranno su temi che spaziano come sempre dall'attualità allo sport, dalla politica ai generi letterari che più appassionano tutti coloro che vorranno prendere parte alla nostra rassegna
letteraria”. Per tutta la durata dell'evento un bookshop temporaneo sarà allestito in Piazza Risorgimento e nei pressi del palco in occasione dei vari appuntamenti, con la gestione dell’Associazione Libriamoci che accoglie gli editori e i librai del Verbano-Cusio-Ossola.

IL PROGRAMMA

Mercoledì 18 agosto anteprima con l'hobbista della carta Raimondo Caliari. Alle ore 18 nel Parco di Villa Antonia si parlerà del “Perché parliamo Italiano”: perché a confluire nell’italiano fu il volgare fiorentino e non invece i dialetti romanesco o bergamasco? Perché la nostra è stata la più ritardataria delle nuove lingue europee, francese, spagnola, anch’esse derivanti dal latino? Questi e altri ancora sono gli spunti del meraviglioso viaggio compiuto dalla nostra lingua, un viaggio che Raimondo Caliari farà compiere anche al pubblico di Sentieri e Pensieri.

Per l'appuntamento inaugurale di Sentieri e Pensieri, giovedì 19 agosto alle ore 18, sarà ospite Marino Bartoletti per presentare il suo ultimo libro “La cena degli Dei” edito da Gallucci, in un dialogo con il giornalista de La Prealpina, Luca Spriano. Un racconto appassionante e originale, utile a ripercorrere le gesta, ma anche i fallimenti dei grandi personaggi dello sport e dello spettacolo, scoprirne le inquietudini e i sentimenti più sinceri. Tra i giornalisti italiani più conosciuti e amati, Marino Bartoletti ha condotto programmi storici come “Il Processo del lunedì”, “Pressing” e la “Domenica Sportiva” e ideato il celebre talk show “Quelli che il calcio”. Critico musicale, è uno dei più grandi esperti del Festival di Sanremo.
Alle ore 21 il consueto incontro a cura del Parco Nazionale della Val Grande, moderato dalla fiduciaria della Condotta Slow Food Verbano e Lago Maggiore, Maria Cristina Pasquali. Protagonista sarà la giornalista Cinzia Scaffidi, per anni nello staff di Slow Food ricoprendo cariche prestigiose, oggi libera professionista nel settore del giornalismo e della consulenza e formazione, oltre che insegnante presso l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Lo spunto dell'incontro è il libro “Il mondo delle api e del miele” (Slow Food Editore), un libro completo e istruttivo, ricco di fotografie e infografiche, per addentrarsi nell’affascinante mondo delle api e conoscere il loro prodotto più prezioso.

Venerdì 20 agosto alle ore 18 uno degli ospiti più attesi di questa edizione, don Luigi Ciotti, presenterà il suo ultimo libro edito da Giunti, “L'amore non basta”. Luigi Ciotti ha fondato nel 1965 il Gruppo Abele, associazione che promuove l’inclusione e la giustizia sociale. A questo si è aggiunto un impegno di ricerca, informazione e formazione attraverso innumerevoli progetti, allargando il suo impegno alla denuncia e al contrasto del potere mafioso con la fondazione di Libera. Il suo ultimo libro – che sarà presentato in un dialogo con il referente di Libera VCO, Lorenzo Bologna – è una sorta di autobiografia collettiva e racconta l’esistenza fuori dal comune di un sacerdote che non si limita alla cura delle anime, ma si batte per una maggiore giustizia sociale, per una società dove tutti, a partire dai più fragili, siano riconosciuti nella loro libertà e dignità di persone.
Alle ore 21 il palco di Santa Maria Maggiore ospita il giornalista Francesco Vecchi. Laureato in Discipline Economiche e Sociali all’Università Bocconi, dopo aver lavorato a TGcom24 e al TG5, dal 2016 è il conduttore di Mattino Cinque, il programma quotidiano del mattino di Canale 5. “Gli scrocconi” è il titolo
dell'ultimo suo libro edito da Piemme, che nasce da una domanda che non si può più ignorare: potremo tornare al livello di benessere che abbiamo raggiunto e mantenere i diritti che consideriamo acquisiti se tutto il peso poggia sulle spalle di pochi? A dialogare con l'autore sarà Marco Graziano, giornalista delle reti Mediaset.

Sabato 21 agosto una giornata ricca di appuntamenti, al via alle ore 10.30 con un evento speciale per i più piccoli in compagnia di Roberto Morgese: “Preziosa acqua, strane parole e un po' di filosofia”. Torna anche quest'anno l'amatissimo autore di libri per bambini e per ragazzi, libri per bambini che pensano al futuro, pensano alle risorse, pensano in grande! A partire da “La mia amica acqua”, edito da Gribaudo, Roberto Morgese affronta temi importanti in maniera spiritosa e adatta a diverse età. Saranno molti gli spunti di intrattenimento e di scoperta, utili per incuriosire un pubblico di tutte le età.
Alle ore 16.30 torna sul palco del festival Benito Mazzi, accompagnato dalla giornalista de La Stampa, Cristina Pastore: lo scrittore vigezzino, con all'attivo più di 80 pubblicazioni, molte delle quali dedicate alla sua terra natia, la Valle Vigezzo, presenta a Sentieri e Pensieri la sua ultima fatica edita da Il Rosso e il Blu, “La grande magia”. La grande magia della Val Vigezzo e della sua piccola capitale, Santa Maria Maggiore, si rivela in dieci capitoli frizzanti e un po' romantici, ricchi di poesia, di ricordi struggenti, di estati indimenticabili; una magia che ha stregato e illuminato in ogni tempo pittori, scultori, letterati, cantanti, compositori, uomini di scienza e di sport, una magia che continua a incantare e a fare sognare gli amanti del bello.
Alle ore 18 un appuntamento speciale dedicato all'arte, in ricordo di Elda Cerchiari Necchi, la storica dell'arte profondamente legata a Santa Maria Maggiore. Ospite di Sentieri e Pensieri sarà il talentuoso Jacopo Veneziani, classe 1994, dottorando in storia dell’arte moderna alla Sorbona di Parigi, che presenterà il suo ultimo libro edito da Rizzoli “Simmetrie. Osservare l'arte di ieri con lo sguardo di oggi”, in cui svela cosa lega artisti lontani nel tempo, come Pollock e Masaccio, Magritte e Vermeer o ancora Rothko e Friedrich. Seguitissimo sui social, dall’ottobre 2020 Jacopo Veneziani ha una rubrica settimanale dedicata alla storia dell’arte nel programma di Rai Tre Le parole della settimana, condotto da Massimo Gramellini. A dialogare con l'autore sarà la storica dell’arte e collaboratrice del Corriere della Sera, Chiara Pagani.
Alle ore 21 spazio al teatro e alla leggerezza con uno degli autori comici più apprezzati del panorama nazionale. Maurizio Lastrico, ex volto di Zelig, torna sul palco dal vivo con “Nel mezzo del casin di nostra vita”, per celebrare Dante a 700 anni dalla sua morte. Uno spettacolo che diventa una festa, dove non mancheranno le sue celebri divine commedie rivisitate in chiave moderna ed i suoi monologhi di ricerca comica. Il comico ed il bello si fondono così nella dimensione più vera del teatro: un modo antico e universale per celebrare Dante e la lingua italiana con leggerezza ed intelligenza. La serata è una coproduzione di Sentieri e Pensieri e Borgate dal Vivo.

Domenica 22 agosto alle ore 16.30 a Sentieri e Pensieri protagonista la politica internazionale con Anna Zafesova e il suo ultimo libro “Navalny contro Putin” (Paesi Edizioni). Giornalista e massima esperta in Italia di Russia e Putin, dal 1992 scrive per La Stampa (fino al 2004 è stata corrispondente del quotidiano piemontese a Mosca) ed è analista politica per Il Foglio e Linkiesta. In questo saggio ricostruisce il caso sconvolgente del leader politico avvelenato dai servizi segreti russi. Rivelazioni, fatti inediti, segreti del potere putiniano e del suo cerchio magico, insieme ai metodi violenti che il regime usa per non crollare. A dialogare con l'autrice sarà la giornalista de La Stampa, Beatrice Archesso.
Alle ore 18 ospite del festival sarà Annalisa Cuzzocrea. “Che fine hanno fatto i bambini?” è il titolo dell'ultimo libro della giornalista de la Repubblica edito da Piemme, ma è anche quanto chiedevano alcuni striscioni comparsi in diverse città italiane durante il primo lockdown, quando le scuole erano chiuse e i ragazzi erano spariti dal discorso pubblico. Annalisa Cuzzocrea cerca di rispondere al quesito, anche per capire cosa ci stiamo perdendo, come stiamo mettendo in pericolo il nostro futuro. E da dove bisogna ripartire. L'incontro, moderato dalla giornalista di OGGI Marianna Aprile, è realizzato in collaborazione con la Fondazione Circolo dei lettori.

Lunedì 23 agosto alle ore 18 sarà ospite del festival Gino Vignali, che presenterà in un dialogo con Bruno Gambarotta il suo ultimo libro “Come la grandine” edito da Solferino. Con l’amico Michele Mozzati forma la celebre coppia Gino&Michele: hanno contribuito alla nascita del cabaret Zelig e sono pure editori dell’agenda Smemoranda. Dopo i vari libri scritti con Michele, Gino ha esordito come giallista con Solferino, con cui ha pubblicato i quattro libri con protagonista la vice-questore Costanza Confalonieri Bonnet, di cui “Come la grandine” è l'ultimo capitolo.
Alle ore 21 una delle autrici italiane più amate degli ultimi anni, Stefania Auci, sarà ospite sul palco di Sentieri e Pensieri per presentare “L'inverno dei Leoni” (Editrice Nord) in un dialogo con Jolanda Di Virgilio della redazione de IlLibraio.it. Stefania Auci è nata a Trapani, ma vive da tempo a Palermo, dove lavora come insegnante di sostegno. Con “I Leoni di Sicilia” (oltre 650.000 copie vendute solo in Italia, tradotto in 32 paesi) ha narrato le vicende dei Florio fino alla metà dell’Ottocento, conquistando i lettori per la passione con cui ha saputo rivelare la contraddittoria, trascinante vitalità di questa famiglia. Una passione che attraversa anche la seconda e conclusiva parte della saga, e che ci spalanca le porte del mito dei Florio, facendoci rivivere un’epoca, un mondo e un destino senza pari.

Martedì 24 agosto alle ore 18 protagonista il direttore artistico di Sentieri e Pensieri, Bruno Gambarotta, che presenterà il suo ultimo libro “La confraternita dell'asino” (Manni). Bruno Gambarotta presenta un romanzo divertente e coinvolgente, in cui si ride fin dalla prima pagina e si riflette sull'abuso della credulità popolare, sul mondo dell'informazione e sul precariato lavorativo e sentimentale. Protagonista è Delfino Malvasia, giovane giornalista precario con il mito di Indro Montanelli. A dialogare con il Direttore Artistico del festival sarà la giornalista Maria Elisa Gualandris.
Alle ore 21 sale sul palco del Festival un altro big della letteratura italiana, Marco Balzano: nato a Milano nel 1978 è autore amatissimo, prima con i suoi romanzi Sellerio, poi con Einaudi. Pluripremiato, tradotto in molti paesi e finalista al Premio Strega con “Resto qui”, Marco Balzano è tornato in libreria con “Quando tornerò” (Einaudi), raccontando con sguardo lucido le vite segnate di una famiglia esplosa, in cui ricomporre il mosaico degli affetti, una volta che le tessere si sono sparpagliate, è la cosa più difficile. A presentare l'autore sarà la giornalista de La Stampa Francesca Zani.

La giornata finale di Sentieri e Pensieri, mercoledì 25 agosto, si apre alle ore 18 con Davide Longo. Lo scrittore piemontese ha creato personaggi che sono rimasti nel cuore di molti lettori: Bramard e Arcadipane sono i protagonisti della trilogia, di cui Davide Longo presenterà – in un dialogo con il Direttore Artistico, Bruno Gambarotta – l'ultima puntata “Una rabbia semplice” (Einaudi). Vincenzo Arcadipane, insieme a Corso Bramard, vecchio capo e mentore, e all’irrequieta agente Isa Mancini, si troverà a scoprire le regole di un gioco folle e letale, una discesa nel mondo sotterraneo del web che li porterà là dove «si sbrigano le faccende che non hanno bisogno di occhi».
Alle ore 21 l'appuntamento finale di Sentieri e Pensieri porterà il pubblico ad incontrare Stefano Zecchi, già professore di Estetica all’Università degli Studi di Milano, romanziere, saggista e editorialista. “Anime nascoste” è il suo ultimo romanzo edito da Mondadori, di cui parlerà con il giornalista di Famiglia Cristiana e IlLibraio.it. Antonio Sanfrancesco: Lorenzo, Barbara e Gloria sono protagonisti di un romanzo che è ritratto lucido e appassionato di una generazione incendiaria e incendiata, una storia di formazione letteraria e politica che racconta in chiave totalmente inedita il Sessantotto.

Il programma completo di Sentieri e Pensieri è online su www.santamariamaggiore.info/sentieri e sulla fanpage ufficiale di Santa Maria Maggiore: www.facebook.com/santamariamaggioreturismo.
Gli eventi sono ad ingresso gratuito. È fortemente consigliata la prenotazione del posto a sedere (info e dettagli su www.santamariamaggiore.info/sentieri).
Per informazioni – Ufficio Cultura e Turismo – Santa Maria Maggiore: 0324 95091 – 0324 94213 –

.
L'evento è realizzato dal Comune di Santa Maria Maggiore – Ufficio Cultura e Turismo
Direzione Artistica: Bruno Gambarotta