Venerdì, Settembre 23, 2022
print this page

CREVOLADOSSOLA - Tones on the Stones: i giardini della preesistenza

Uno spettacolo di Gabriele Vacis, Roberto Tarasco e gli attori di Potenziali Evocati Multimediali

Regia di Gabriele Vacis

Prometeo è l’archetipo della conoscenza, liberata dalle catene della superstizione e dell’ignoranza. Ed è il simbolo della ribellione.

Quando Zeus scopre che il figlio del titano gli ha rubato il fuoco, la tecnica, la scienza, per donarlo agli uomini, si sente tradito e lo punisce incatenandolo a una roccia, ai confini del mondo; il suo fegato, che la notte ricresce, viene divorato ogni mattina da un’aquila.

Lo spettacolo si ispira al senso profondo dell’opera di Eschilo: ruba a Eschilo il fuoco della sua tragedia per donarlo al pubblico. L’obiettivo è “calarsi” nel sentimento tragico che l’opera propone, elaborando una lingua che preservi la “solennità” dei millenni rendendo comprensibile il senso al pubblico di oggi.

Se la tragedia di Eschilo scava alle radici del coraggio, lo spettacolo mette in scena la paura e il coraggio di affrontarla. Una ribellione alla paura che attraversa i corpi dei giovani attori in scena.

GABRIELE VACIS è un grande regista teatrale, drammaturgo, docente, documentarista e sceneggiatore italiano. Fondatore del Teatro Settimo e direttore della scuola per attori del Teatro Stabile di Torino, collabora tra gli altri con Lella Costa, Marco Paolini, Alessandro Baricco.

Allegati
AllegatoDimensione
programma tones on the stones.pdf753.27 KB