Dom, 18/09/2011
print this page

Autunno sui laghi: la musica non è finita

Già in preda alla nostalgia per le vacanze e per l’estate con i suoi riti, i suoi colori, la sua musica? Allora fate un salto sul Lago Maggiore o se preferite raggiungete il Lago d’Orta oppure il Lago di Mergozzo.

Qui, l’addio della bella stagione è più dolce e, nelle giornate di sole, ci si può ancora sedere in riva al lago e sognare ad occhi aperti inseguendo le vele che solcano le acque. Potrete farlo anche voi, approfittando delle escursioni della Navigazione Laghi: sino al 16 ottobre, infatti, si può raggiungere comodamente Locarno in motonave oppure, il venerdì, il sabato e la domenica scegliere l’itinerario Lago Maggiore Express, che consente di navigare su tutto il Lago Maggiore ammirando le Isole e i Castelli, raggiungere la Svizzera e con il pittoresco treno delle Centovalli e della Valle Vigezzo attraversare uno dei territori più
Selvaggi e romantici (per info: www.navlaghi.it). Sino al 23 ottobre sono ancora aperte al pubblico le Isole Borromee, con i loro giardini e i palazzi ricchi di fascino, di storia, di cultura; chi ama piante e fiori non dovrebbe mancare di visitare il giardino botanico di Villa Taranto, a Verbania, vestito dei colori del primo autunno: sarà aperto al pubblico sino a tutto ottobre. Quanto alla musica, anche se i grandi festival si sono chiusi, sono tante le proposte qua e là di concerti e di esibizioni live: a Stresa, sino a fine settembre, proseguono i Concerti a 5 stelle dell’associazione musicale “Dino Ciani” che si tengono nella sala Azalea dell’hotel Regina Palace (ingresso gratuito); per conoscere calendario e nome dei musicisti, si può consultare il sito www.concerticianidistresa.com. A Verbania Pallanza, ad esempio, il 2 ottobre nella Collegiata di San Leonardo, alle 15, si terrà la 4° edizione della rassegna corale “In…canto d’ottobre sul lago” (ad ingresso gratuito; www.associazionecoripiemontesi.com). Prima che i venti d’autunno facciano cadere le foglie, si può ancora andare per boschi e sentieri, magari con il cesto per raccogliere castagne: le colline che circondano i laghi offrono tanti itinerari diversi, con sentieri segnalati alla portata di tutti; per gli appassionati di trekking, invece, vale la pena arrivare in cima al Mottarone (facilmente raggiungibile in funivia da Stresa). Chi ama passeggiare, ma in città, e preferibilmente per shopping, non può perdersi i mercatini degli hobbisti e quelli del gusto, che ad Arona, ogni fine settimana, propongono le eccellenze del made in Italy. Ai più pigri consigliamo di darsi alla lettura; o meglio, se appassionati lettori, di prendere nota dei premi letterari che consentono di conoscere scrittori e poeti, come nel caso del Premio Stresa di Narrativa, la cui cerimonia di premiazione è in programma per il 30 ottobre, all’hotel Regina Palace. Musei e mostre completano l’offerta culturale: suggeriamo una visita all’originale Museo del Cappello di Ghiffa (aperto per tutto il mese di ottobre) o al Civico Museo Archeologico di Arona, dove sino al 20 novembre sarà anche allestita la mostra “E l’uomo incontrò il lupo” che attraverso pannelli didattici, ricostruzioni archeologiche e materiale etnografico racconta l’avvicinamento dell’uomo al lupo e la sua graduale domesticazione (ingresso libero). Molto ampia la gamma delle offerte enogastronomiche, con le sagre che animano borghi e paesi riproponendo le tradizioni culinarie (castagne, mele, zucca, carni, salumi e formaggi con tanti appuntamenti sia nel Cusio che nel Verbano ) e quelle del mondo contadino, come la transumanza, con il ritorno del bestiame dall’alpeggio (in programma a Nebbiuno il 16 ottobre). Non solo quiete, d’autunno, sui laghi, ma vita, colori, note e profumi, tutti da scoprire, tutti da apprezzare.

Comuni
VERBANIA
STRESA
ORTA SAN GIULIO
OMEGNA
NEBBIUNO
MERGOZZO
MASSINO VISCONTI
ARONA