user picture
L'imponente parete est del Monte Rosa

Dalla seconda vetta più alta d’Europa, il Monte Rosa, alla valle dei pittori, dalle tradizioni walser della Valle Anzasca alla storia antica della Valle Vigezzo, chiamata Valle dei Pittori per l’importante presenza in valle di alcuni grandi esponenti della pittura dei secoli passati. Vi presentiamo due delle valli più amate e apprezzate dal turista nazionale ed internazionale...

Macugnaga e il Monte Rosa
Siamo in Valle Anzasca, valle che prende il nome dal torrente Anza che la percorre per i 30 km circa della sua lunghezza. Numerosi sono i piccoli villaggi alpini che costellano questa valle impervia, ma il più importante e frequentato è di certo Macugnaga.
Questo antico insediamento walser presenta un villaggio di antichissime origini e rappresenta una delle attrazioni principali del Distretto Turistico dei Laghi, Monti e Valli. A Macugnaga la vallata si apre ed offre la possibilità di ammirare l'eccezionale panorama rappresentato dalla parete est del massiccio del Monte Rosa.
Vi troverete così ai piedi della parete più alta delle Alpi, se consideriamo verticalità ed estensione. Oltre 2.000 metri di dislivello dividono la base della parete dalle cime delle 4 vette del massiccio che, da sinistra, sono: la Punta Gnifetti (4.554), la Punta Zumstein (4.563), la Punta Dufour (4.634) e la Punta Nordend (4.609).
Macugnaga è importante centro turistico sia nella stagione estiva, che in quella invernale, con numerosi impianti di risalita per tutti i gusti.

DA VEDERE A MACUGNAGA
Museo Walser Macugnaga 5  - Miria Sanzone.jpg
I Musei e la Miniera d’oro di Macugnaga
Nella frazione di Borca esiste una "Casa - Museo" completamente arredata in modo da farne un "laboratorio rurale", incentrato intorno alla "stube". Un bell'esempio della tipica costruzione Walser con base in muratura, quella superiore in legno per la migliore aerazione del fieno.
Talvolta quest'ultima è semplicemente appoggiata, altre volte lascia un piano di intercapedine, con i pilastri "a fungo" per non far salire i topi e l'umidità dal terreno.
In località Guia, di fronte al Museo Walser di Borca, si trova la prima miniera d'oro delle Alpi riaperta ai turisti.
Le miniere ossolane sono le miniere aurifere più importanti d'Italia: la tradizione vuole che i primi a ricavare l'oro dall'alta Valle Anzasca siano stati i romani o addirittura i Celti.
Il Museo della Montagna e del Contrabbando è ospitato in una vecchia abitazione che in origine fu un fienile (fine XVIII secolo). Al piano terra, rivestito in legno, troverete gli attrezzi delle prime guide alpine di Macugnaga, i reperti delle tante tragedie alpinistiche accadute sul Monte Rosa, i materiali impiegati nella prima salita invernale alla Cresta di S. Caterina e le pareti riportano i dipinti in cui è illustrata una storia umoristica di un Tantarin italiano alla conquista del Rosa.
Il piano superiore conserva in poco spazio tanti ricordi e memorie della civiltà Walser di Macugnaga e della storia alpinistica del Monte Rosa.
Info su orari di visita e costi: www.comune.macugnaga.vb.it/IatMacugnaga

Cliccando qui potrete scoprire tutte le principali attrattive di questo meraviglioso borgo alpino!

Sito internet: www.comune.macugnaga.vb.it/IatMacugnaga
Contatta qui l'ufficio IAT di riferimento
Distanza da Domodossola: 42 km

Benvenuti in Valle Vigezzo!
In estate o d’inverno, al sole della bella stagione o immersi nella quiete del paesaggio innevato, in Valle Vigezzo troverete una meta piacevole e divertente dove praticare numerose attività sportive, percorrere i sentieri di montagna, trovando sempre un contatto diretto con la natura alpina, la sua flora e la sua fauna, magari accompagnati da una guida naturalistica alla scoperta del Parco Nazionale della Val Grande...
La Valle dei pittori è conosciuta e apprezzata per l’ampia offerta di attività legate agli sport: troverete piscine all’aperto, campi per praticare l’equitazione o giocare a beach-volley, calcio, tennis e bocce, affittare una mountain-bike per godere il paesaggio su due ruote lungo la pista ciclabile che percorre l'intera Valle...
Ma la Valle Vigezzo non è solo sport: manifestazioni folcloristiche, concerti di musica classica e jazz, spettacoli teatrali di prosa e serate bandistiche, serate pirotecniche, rassegne cinematografiche e divertimenti notturni nei locali con musica dal vivo.
In Valle Vigezzo troverete sicuramente la struttura ricettiva che fa al caso vostro, in cui trascorrere una tranquilla vacanza, oppure affittare appartamenti o case con giardino per brevi periodi, per una stagione o per tutto l’anno. Vivrete così da protagonisti le atmosfere di questa valle magari davanti ad un camino o al tepore di una vecchia stufa in pietra.

Santa Maria Maggiore chiesa 2 - Foto Studio RDS.jpgSanta Maria Maggiore, il cuore della Valle Vigezzo
Santa Maria Maggiore è da sempre il fulcro della valle dei pittori, piccolo centro di mezza montagna che negli anni ha saputo rinnovare il suo centro cittadino, con una particolare attenzione al passato architettonico ed artistico: una valorizzazione strutturale che va di pari passo con la valorizzazione delle tradizioni locali. Santa Maria Maggiore, infatti ospita ogni anno, durante la prima settimana di settembre, il Raduno Internazionale degli Spazzacamini, evento che richiama in valle migliaia di turisti...
Il borgo vigezzino è punto di partenza per una conoscenza più approfondita della valle e dei suoi centri minori, ma prima di lasciare il paese per visitare le caratteristiche frazioni circostanti vi consigliamo una visita al Museo dello Spazzacamino...

Museo Spazzacamino_Santa Maria Maggiore_Miria Sanzone (10).jpg
Museo dello Spazzacamino di Santa Maria Maggiore
Unico in Italia, a Santa Maria Maggiore, all'interno dello splendido Parco di Villa Antonia, potete visitare il Museo dello Spazzacamino. Inaugurato nell'agosto 1983 e restaurato nel 2005 il museo presenta un percorso interattivo che coinvolge il pubblico in una visita multisensoriale. Questo itinerario, fondato sull'esperienza percettiva, costituisce un'assoluta novità di approccio ad un tema storico-sociale come quello degli Spazzacamini e permette di annoverare questa fra le proposte museali più innovative della Regione Piemonte. Il museo racconta, attraverso attrezzi, oggetti, pubblicazioni e suggestive testimonianze, la dura esperienza di una figura, a noi quasi sconosciuta, che ha contrassegnato per secoli la vita della Valle Vigezzo.

Santuario di Re_Foto Studio RDS.jpg
Il Santuario di Re: testimonianza di un miracolo del passato
Re rappresenta di certo il fulcro devozionale della Valle Vigezzo, meta di pellegrinaggi al suo maestoso Santuario dedicato alla Madonna del Sangue, costruito intersecando la precedente chiesa di San Maurizio. La costruzione di questo Santuario solennizza il miracolo avvenuto nell'aprile 1494, quando l'immagine della Madonna affrescata sulla facciata della vecchia chiesa iniziò a sanguinare, dopo essere stata colpita da un sasso lanciato da un ragazzo, Giovanni Zuccone, adirato per le sue perdite al gioco delle piodelle (un gioco simile a quello delle bocce).
Una costruzione maestosa che si scorge da lontano e che rappresenta uno dei simboli "religiosi" dell'intera area del Distretto Turistico dei Laghi.
Sito internet: www.comune.re.vb.it/Santuario

vigezzina_re_Giancarlo_Parazzoli_low.jpg
Alla scoperta della valle a bordo del trenino bianco e blu!
Se volete scoprire la Valle Vigezzo in un modo davvero particolare allora non potete perdere l'opportunità di viaggiare a bordo del caratteristico trenino bianco e blu della Ferrovia Vigezzina.
La Ferrovia collega Domodossola e la linea del Sempione alla cittadina svizzera di Locarno sul Lago Maggiore, sviluppandosi lungo un tracciato di montagna su una lunghezza complessiva di 52 km, dei quali 32 in territorio italiano e 20 in territorio svizzero.
La Vigezzina attraversa boschi di faggi e castagni, altopiani erbosi, montagne selvagge e ghiacciai scintillanti sullo sfondo, cascate d'acqua, vecchi alpeggi abbandonati e paesi silenziosi e il tracciato rappresenta un capolavoro dell'ingegneria civile immerso nella natura.
Passato il centro vigezzino di Druogno, dopo oltre 16 km di percorso, si raggiunge il punto più elevato della linea, in corrispondenza dello spartiacque della valle: qui la vallata si allarga ancora e forma un magnifico altopiano.
E poi giù, verso la svizzera e il Lago Maggiore. Magari a bordo del nuovo treno panoramico, una vera e propria terrazza sui meravigliosi panorami che potrete ammirare solo grazie a questo percorso.
Sito internet: www.vigezzina.com
Servizio a pagamento

Per ulteriori informazioni sulla Valle Vigezzo contatta l'ufficio turistico di competenza: Contatta qui



Photo gallery


Video Gallery

user picture

Terme e benessere nelle valli del Distretto Turistico: le Valli dell’Ossola, con le loro acque dai benefici effetti, rappresentano il luogo ideale per ritrovare il benessere e l’equilibrio.

Acqua che offre spettacoli naturali, basti pensare al meraviglioso salto d'acqua di 143 metri della Cascata del Toce, in Valle Formazza, ma anche acqua dalle elevate proprietà terapeutiche.
E tra le montagne dell'Ossola si trovano numerose fonti termali dove, da oltre un secolo, si imbottigliano acque minerali con caratteristiche organolettiche o curative di alta qualità: la Crodo, usata anche nella preparazione del Crodino, la Bognanco e quella di Vigezzo che sgorga all'interno del Parco Nazionale della Val Grande.
Storici poi gli stabilimenti termali: le Terme di Bognanco risalgono al 1862 e sono un'importante stazione termale situata a 700 metri nella valle del torrente Bogna, vicino a Domodossola. Le particolari proprietà delle acque delle Fonti di Bognanco sono indicate per i disturbi dello stomaco, del fegato, delle vie biliari e dell’intestino.
Le Terme di Crodo si trovano in frazione Molinetto a Crodo, in val Divedro. Le acque sono particolarmente adatte alla cura e alla prevenzione delle malattie dell’apparato digerente.
Le sorgenti di Cadarese, a Premia, scoperte pochi anni fa, sgorgano a una temperatura di 42.5°, hanno le stesse caratteristiche di quelle di Tabiano e sono indicate per le cure dermatologiche e nelle terapie otorinolaringoiatriche. A Premia, in località Cadarese, potrete rilassarvi in un moderno e apprezzatissimo stabilimento termale con piscine in cui è possibile tuffarsi, d'estate come d'inverno, nelle acque naturalmente calde e godere di tutti i benefici terapeutici, oppure godersi qualche ora di relax in un ambiente davvero suggestivo. Di recente apertura l'ampia area wellness dedicata al benessere e alla cura della persona.

Ma la ricerca del benessere non si ferma qui: in Ossola è possibile scoprire un’intera "tavolata" di sapori antichi che affondano le loro radici nella tradizione e nella storia di una popolazione che ha saputo sfruttare le risorse del territorio. Dall'antipasto al dolce, è un tripudio di prelibatezze, semplici e genuine ma dalla lavorazione sapiente. Nella gastronomia di montagna domina il pane, che in Ossola faceva parte di un processo familiare e sociale consolidato, prodotto con segale mescolata ad altre farine, talvolta arricchito da noci e uvetta, accompagnato da salumi e formaggi. Dal salame alla mortadella, dal prosciutto crudo alla bresaola, dai famosi “violini” di capra al lardo aromatizzato, ogni famiglia possedeva una ricetta tramandata di generazione in generazione e che ancora oggi si può percepire nei prodotti delle diverse valli. La cultura casearia qui risale addirittura all’anno 1000, quando in un documento veniva sancito il lavoro di un alpigiano e della sua famiglia per produrre il formaggio. Una trentina di alpeggi garantiscono prodotti di eccellenza che portano i nomi dei luoghi che ospitano le “casere” più importanti. Uno per tutti, il Bettelmat, che attualmente viene realizzato in 7 alpeggi delle valli Antigorio e Formazza. Una produzione piuttosto limitata che, oltre alla particolarità del sapore, ha contribuito ad accrescerne la preziosità sul mercato. Ottimi inoltre i formaggi del Mottarone, che si possono gustare ed acquistare in diverse aziende agricole nella terra tra i laghi Maggiore e Orta, accompagnandoli magari con i vini della pianura novarese. Formaggi da accompagnare ai mieli, che qui si producono in svariate sfumature.
Ad accompagnare e concludere il pasto tipico, vini e dolci. L’assenza di vento ed il calore che sale dalla pianura del fiume Toce, hanno consentito l’insediamento di alcuni vigneti terrazzati in Ossola dove ancora oggi viene prodotto il “Prunent”, tra i più noti. Per quanto riguarda i dolci, infine, l'offerta è vasta: dal “Credenzin”, realizzato come il pane nero di Coimo ma con l’aggiunta di noci, uvetta e fichi, al Pan Dolce di Cannobio, sino alle “Imperialine” e “Reginette”, biscotti tipici della zona di Omegna, alle “Margheritine” di Stresa e alla “Fugascina” di Mergozzo, dalle “Intresine” di Intra agli “amaretti” di Pallanza. Prodotti da acquistare nelle numerose aziende, per lo più familiari, del territorio o da gustare nei numerosi ristoranti, alcuni insigniti anche dalle più prestigiose guide, e in caratteristici agriturismi.



Photo gallery


Video Gallery

VERBANIA PALLANZA
8 ottobre – 7 novembre
MOSTRA: “MARINA PIATTI. Ex voto spedito in una pausa del Viaggio”

Villa Giulia – Orario: da martedì a domenica 11.00-13.00 / 16.00-19.30
Lunedì chiuso

VERBANIA - Sab, 08/10/2011 - Lun, 07/11/2011

VERBANIA PALLANZA
8 ottobre – 7 novembre
MOSTRA: “MARINA PIATTI. Ex voto spedito in una pausa del Viaggio”

Villa Giulia – Orario: da martedì a domenica 11.00-13.00 / 16.00-19.30
Lunedì chiuso

organizzatore: CRAA Vila Giulia

contatto email:

sito web: link al sito web

telefono:

fax:




VERBANIA INTRA
8 ottobre
Piazza Ranzoni – Orario: 10.00/17.00
GIORNATA NAZIONALE DEL DIABETE

VERBANIA - Sab, 08/10/2011

VERBANIA INTRA
8 ottobre
Piazza Ranzoni – Orario: 10.00/17.00
GIORNATA NAZIONALE DEL DIABETE

organizzatore: Associazione Diabetici di Verbania

contatto email:

sito web: link al sito web

telefono:

fax:




VERBANIA INTRA
8 ottobre
Piazza Ranzoni – Orario: 8.00/19.30
CASTAGNATA a cura della Squadra AIB VERBANIA

VERBANIA - Sab, 08/10/2011

VERBANIA INTRA
8 ottobre
Piazza Ranzoni – Orario: 8.00/19.30
CASTAGNATA a cura della Squadra AIB VERBANIA

organizzatore: AIB Verbania

contatto email:

sito web: link al sito web

telefono:

fax:




Condividi contenuti

Per gli utenti registrati

BANNER_SERVIZIPREMIUM.jpg

Newsletter