Mountain Bike
print this page

Il giro delle Centovalli

Descrizione dell’itinerario

Per i ciclisti davvero in forma e ben allenati, la Valle Vigezzo, grazie alla sua posizione particolare di confine con la Svizzera, dà l’opportunità di compiere un giro davvero suggestivo che ci farà vedere alcuni degli scorci e degli elementi paesaggistici più caratteristici del territorio, unendo la bellezza della montagna a quella del lago. Il percorso è ad anello e partiremo da Druogno, il primo paese che si incontra sulla piana di Vigezzo venendo da Domodossola. Vista la lunghezza dell’itinerario che ci farà pedalare per 125 km, si consiglia di partire abbastanza presto al mattino. I primi chilometri sono piacevoli tratti di pianura o di leggera discesa, immersi in un incantevole contesto naturale. Poco prima di arrivare a Malesco svoltiamo a sinistra e ci dirigiamo verso Re, passato il Santuario proseguiamo ancora verso il confine di stato e scolliniamo. Entrati in Svizzera ci attende la discesa delle Centovalli: una ventina di chilometri di vero divertimento. Le condizioni della strada sono abbastanza buone e a livello tecnico il percorso non è troppo impegnativo, anche se ovviamente si raccomanda sempre di avere il caschetto in testa e di essere prudenti. Il panorama che ci troveremo davanti agli occhi è davvero unico e ricco di sfumature cromatiche, con il verde delle montagne sullo sfondo di un cielo limpido. Al termine della discesa ci aspetta la ridente e ordinata cittadina svizzera di Locarno, che attraverseremo per prendere la strada che costeggia il Lago Maggiore. A questo punto comincia un lungo tratto di pianura che ci farà pedalare per diversi chilometri pancia a terra. La fatica comincerà a farsi sentire, ma la bellezza del lago, con le acque cristalline di Cannobio, i Castelli di Cannero e la rigogliosa vegetazione del Verbano ci ricompenserà degli sforzi. Visto il traffico che soprattutto nel periodo estivo è molto intenso, in questa parte del percorso si raccomanda la massima attenzione. Una volta che ci saremo lasciati alle spalle il lago, dovremo attraversare il fondovalle ossolano, fino a Domodossola, per poi stringere i denti e affrontare gli ultimi chilometri di salita che ci riporteranno a Druogno. La strada alle nostre spalle avrà sicuramente lasciato qualche segno anche nelle gambe dei più allenati e quella che abbiamo davanti è in salita, ma la voglia di arrivare in fondo ci farà trovare le energie per superare anche l’ultimo ostacolo. Appena scesi dalla bicicletta, tutta la stanchezza si trasformerà
immediatamente nella grande soddisfazione per l’impresa compiuta e nel ricordo delle sensazioni che faranno di questa giornata sui pedali qualcosa di speciale.

Info

Ufficio Turistico di Malesco 0324/929901 –

Comune di Malesco: 0324.92261, www.malesco.net

Ufficio Turistico di Santa Maria Maggiore: 0324/95091 –

Ufficio Turistico di Verbania: Corso Zanitello 0323/503249 –

Ufficio Turistico di Verbania: V.le Magnolie 0323/557676 –

Ferrovia Vigezzina: 0324/242055 – www.vigezzina.com,

Ferrovia delle Centovalli: +41 (0) 91 7560400,

, www.centovalli.ch

Comunità Montana Valli dell’Ossola: 0324/226611 – www.cmvo.it